Turismo InToscana
italiano english

Strada del Vino e dei Sapori Monteregio

Da Massa Marittima lungo sapori maremmani

La Strada del Vino Monteregio di Massa Marittima si snoda all’interno del comprensorio delle colline dell’Alta Maremma Grossetana, ambiente naturale che raccoglie le caratteristiche della Maremma aspra e selvaggia e la raffinatezza dei centri ricchi di storia e cultura. In questo bell’ambiente naturale si è inserito il turismo enogastronomico della Strada del Vino Monteregio, che permette al turista di visitare aziende vitivinicole, enoteche e botteghe artigiane di qualità.

Prodotti tipici - La tradizione culinaria maremmana vanta piatti tipici come i tortelli maremmani, l’acquacotta, le pappardelle alla lepre, il cinghiale con le olive e le lumache in umido. Ottimo il pecorino, fresco o stagionato ed il rovaggiolo. I salumi più gustosi sono le salsicce di maiale e di cinghiale, il prosciutto toscano - molto saporito, buristo e finocchiona. Tra i dolci citiamo il panforte ed i cantuccini da accompagnare con il Vin Santo. In autunno si possono gustare castagne e funghi, vino novello e la tipica bruschetta con l’olio extravergine di oliva. Nel territorio si realizzano anche pipe in radica, ceramiche (tra le quali il bucchero, di origine etrusca), prodotti in cuoio.

Il vino - Il vino prodotto nella zona delle Colline Metallifere, che si è affermato con il nome di Monteregio, riconosciuto dal marchio DOC nel 1994 e che negli ultimi anni è stato oggetto di notevoli cure che ne hanno esaltato la potenzialità, viene prodotto in varie tipologie. Il Monteregio Rosso è ottenuto da Sangiovese (80%) più altre uva a bacca nera, è disponibile anche nella versione Novello e Riserva (con invecchiamento di due anni); con le stesse uve si produce anche il Rosato. Il Monteregio bianco si ottiene con uve di Trebbiano toscano, Vermentino, Malvasia, Malvasia di Candia ed Ansonica più piccole aggiunte di altri vitigni a bacca bianca. Il Vermentino si produce con almeno il 90% di tale uva con eventuale aggiunte di altri vitigni a bacca bianca. La DOC comprende anche il Vin Santo Occhio di Pernice.I rossi oscillano da una gradazione alcolica di 11, 5° fino ai 13°, molto più forti sono i Vinsanti (16°). Per quanto riguarda la cucina ben si sposano con i piatti maremmani dall’antipasto al dolce.

Itinerari turistici - La Strada del vino Monteregio prevede tre interessanti itinerari consigliati agli amanti dell’enogastronomia e a chi ama vagare tra archeologia, feste popolari e ambienti naturali di rara bellezza.

Il primo, oltre ai comuni di Monterotondo Marittimo e Follonica, comprende quello di Massa Marittima, dove si trova il Palazzo che oggi ospita il Centro informazioni della Strada del Vino. Nella zona circostante vale la pena visitare il lago dell’Accesa, il Parco di Montioni e i castelli medievali di Lecceta e Cugnano.

Il secondo micropercorso è principalmente il Comune di Roccastrada, sede del Museo della Vite e del Vino, dove si alternano pianure e colline sinuose su cui si ergono borghi medievali tra cui Montemassi.

Il terzo micropercorso comprende Castiglione della Pescaia con l’imponente castello che domina il litorale, l’area archeologica di Vetulonia, Gavorrano e Scarlino con la riserva naturale delle “Bandite di Scarlino”.

menu
share